La radice del linguaggio tra memoria profonda e funzione pragmatica in H. Bergson