Lo Yi Ch'unp'ung-jon, ovvero le disavventure di un nobile coreano tra farsa e satira di costume