Le lingue paleosiberiane tra classificazione canonica e macro-comparazione