Il ridicolo nel commento di Averroè alla 'Poetica' di Aristotele