"Unicità" testuale della norma e disomogeneità degli effetti