Recensione a "La semiotica e il doppio teatrale" a cura di G. Ferroni