Con Paolo Giovio al servizio di don Gonzalo II de Córdoba, duca di Sessa