Dal Santo Graal al nutrimento del povero. Su una interpretatio judaica nel Sefer ha-shemad