La trasmissione di una cronaca del Vespro nota in diverse versioni (toscana, settentrionale, siciliana) ci presenta un osservatorio ideale per studiare le dinamiche scritturali dell’Italia medievale. Attraverso la lingua dei testimoni si può ricostruire, da un lato, come gli scriventi di varie aree hanno a poco a poco abbandonato le loro abitudini di scrittura per avvicinarsi al modello toscano, dall’altro come il toscano ha cominciato, lentamente, a farsi italiano.

Come abbiamo imparato a scrivere in toscano

BARBATO, MARCELLO
2013

Abstract

La trasmissione di una cronaca del Vespro nota in diverse versioni (toscana, settentrionale, siciliana) ci presenta un osservatorio ideale per studiare le dinamiche scritturali dell’Italia medievale. Attraverso la lingua dei testimoni si può ricostruire, da un lato, come gli scriventi di varie aree hanno a poco a poco abbandonato le loro abitudini di scrittura per avvicinarsi al modello toscano, dall’altro come il toscano ha cominciato, lentamente, a farsi italiano.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11574/36367
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact