I "Testi del Vicino Oriente antico" diciassette anni dopo