Ovidio e Byron (a proposito di una traduzione "boreale" delle Metamorfosi