Giuseppe Acerbi e il modo di rappresentare la poesia popolare-Il canto in due