L’articolo mostra come nell’India classica al primato della forma, della fissità dell’opera, si opponga quello della funzione che essa è chiamata a svolgere, per cui l’interprete deve cercare di rispondere non solo alla domanda iniziale su cosa è il testo nel suo determinato contesto socio-culturale, ma anche a una seconda domanda, strettamente legata alla prima e non meno importante, su come esso viene utilizzato. L’uso infatti comporta inevitabilmente dei cambiamenti e degli adattamenti – talora lievi, talora importanti – che meritano di essere studiati e valutati criticamente, non solo in base a una prospettiva strettamente filologica, ma soprattutto storica e sociologica.

La fluidità testuale nelle tradizioni indiane

SFERRA, Francesco
2011

Abstract

L’articolo mostra come nell’India classica al primato della forma, della fissità dell’opera, si opponga quello della funzione che essa è chiamata a svolgere, per cui l’interprete deve cercare di rispondere non solo alla domanda iniziale su cosa è il testo nel suo determinato contesto socio-culturale, ma anche a una seconda domanda, strettamente legata alla prima e non meno importante, su come esso viene utilizzato. L’uso infatti comporta inevitabilmente dei cambiamenti e degli adattamenti – talora lievi, talora importanti – che meritano di essere studiati e valutati criticamente, non solo in base a una prospettiva strettamente filologica, ma soprattutto storica e sociologica.
9788863811803
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
canoniliquidi_sferra.pdf

non disponibili

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 348.01 kB
Formato Adobe PDF
348.01 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11574/37173
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact