Problemi autentici e risposte reticenti: lo strabismo di un centocinquantenario