Campania: oltre l'"effetto Napoli"