La “lunga pictura”: visione e rappresentazione nei Trionfi