Platone. Fedro. Introduzione, traduzione e note