Lo scritto muove da una riflessione sul concetto di barbarie, definendola, non tanto come categoria cognitiva quanto piuttosto come categoria morale "negativa" che indica la nostra relazione con l'alterità e che designa un comportamento volto a non riconoscere la piena umanità dell'altro. Il saggio si sofferma sul concetto vichiano di "barbarie della riflessione" e sugli effetti, sulle conseguenze e sulle opportunità di tale concetto per il nostro tempo.

La barbarie della riflessione dei nostri tempi

DONZELLI, Maria
2011-01-01

Abstract

Lo scritto muove da una riflessione sul concetto di barbarie, definendola, non tanto come categoria cognitiva quanto piuttosto come categoria morale "negativa" che indica la nostra relazione con l'alterità e che designa un comportamento volto a non riconoscere la piena umanità dell'altro. Il saggio si sofferma sul concetto vichiano di "barbarie della riflessione" e sugli effetti, sulle conseguenze e sulle opportunità di tale concetto per il nostro tempo.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11574/38389
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact