L'araba di Sobol: la rappresentazione dell ' "altro" e del suo doppio,