Una ricognizione del "moderno" attraverso lo "Zibaldone"