In memoriam di Paolo Lucentini e Alfonso Maierù