Arké e visione femminile: una chora di lingua