L’uso e le diverse accezioni di ài in tre romanzi di epoca mancese