Fondazione dell'etica: un ossimoro? Per un'etica dell'opacità