Sulla scia delle elezioni governatoriali di New York nel 2010, in cui si confontarono due candidati di origine italiana (Andrew Cuomo per i Democratici e Carl Paladino per i Repubblicani), il saggio individua ed analizza i collegi elettorali "egemonici" italo-americani nelle elezioni per la Assembly e il Senato nello Stato di New York. L'arco temporale sono gli ultimi venti anni e i collegi egemonici italo-americani sono individuati come quelli in cui, durante quest'arco di tempo, un alto numero di competizioni elettorali sono state "monopolizzate" da candidati italoamericani in entrambi i maggiori partiti. Il saggio si chiede in cosa risieda la forza elettorale di questa classe politica italo-americana. E in particolare: si tratta di fattori etnici legati alla composizione demografica del collegio? Quanto conta il fattore partitico? Quanto è rilevante invece il "potere personale" (consenso e radicamento territoriale) del candidato e della sua personale "macchina politica"? In base ai dati elettorali e alle biografie politiche dei candidati, i collegi egemonici di New York vengono distinti in tre tipologie: 1. "Power District": dove lo stesso candidato italo-americano viene rieletto per un alto numero di volte e il suo partito domina il collegio per un ampio arco temporale; 2. "Swinging Ethnic Strongholds": dove, sebbene il vincitore sia regolarmente in candidato italo-americano, nel periodo considerato gli eletti sono persone diverse appartenenti a partiti diversi; 3. "Personal Fiefdoms": dove lo stesso esponente politico italo-americano monopolizza il seggio a lungo, ma il partito o la coalizione che lo sostiene cambiano nel tempo.

Tales of an Italian-American Political Class. Monopolistic Elections and Hegemonic Districts in New York.

CAPPELLI, Ottorino
2012-01-01

Abstract

Sulla scia delle elezioni governatoriali di New York nel 2010, in cui si confontarono due candidati di origine italiana (Andrew Cuomo per i Democratici e Carl Paladino per i Repubblicani), il saggio individua ed analizza i collegi elettorali "egemonici" italo-americani nelle elezioni per la Assembly e il Senato nello Stato di New York. L'arco temporale sono gli ultimi venti anni e i collegi egemonici italo-americani sono individuati come quelli in cui, durante quest'arco di tempo, un alto numero di competizioni elettorali sono state "monopolizzate" da candidati italoamericani in entrambi i maggiori partiti. Il saggio si chiede in cosa risieda la forza elettorale di questa classe politica italo-americana. E in particolare: si tratta di fattori etnici legati alla composizione demografica del collegio? Quanto conta il fattore partitico? Quanto è rilevante invece il "potere personale" (consenso e radicamento territoriale) del candidato e della sua personale "macchina politica"? In base ai dati elettorali e alle biografie politiche dei candidati, i collegi egemonici di New York vengono distinti in tre tipologie: 1. "Power District": dove lo stesso candidato italo-americano viene rieletto per un alto numero di volte e il suo partito domina il collegio per un ampio arco temporale; 2. "Swinging Ethnic Strongholds": dove, sebbene il vincitore sia regolarmente in candidato italo-americano, nel periodo considerato gli eletti sono persone diverse appartenenti a partiti diversi; 3. "Personal Fiefdoms": dove lo stesso esponente politico italo-americano monopolizza il seggio a lungo, ma il partito o la coalizione che lo sostiene cambiano nel tempo.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Cappelli-2011-Italian_American_Political_Class.pdf

non disponibili

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 3.92 MB
Formato Adobe PDF
3.92 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11574/39705
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact