Il De mirabilibus mundi tra tradizione magica e filosofia naturale