“L'intrico della ‘Tempesta‘ tra industriosità e pigrizia”