Il libro analizza, con l'aiuto della psicanalisi, i fantasmi letterari delle "Pagine Bizzarre". Le Pagine Bizzarre di Urmuz (1883-1923) - autore «dadaista ancor prima di Dada», che per primo ha messo in scena in Romania l’«assurdo» e la «tragedia del linguaggio» attraverso l’invenzione di una lingua molto singolare che sintomaticamente crea illusioni ed enigmi, equivoci e ambiguità semantiche, che rendono difficile il compito dell’interpretazione e della traduzione e l’inquadramento della sua opera in una tipologia ben definita di generi letterari - hanno esercitato una notevole influenza, per molti versi paradossale, su intere generazioni di scrittori che vanno dal padre del Dadaismo, Tristan Tzara, alle avanguardie e al surrealismo romeni, da Eugène Ionesco a Paul Celan e Gherasim Luca, da Nichita Stănescu a Marin Mincu, fino ai poeti postmoderni e testualisti come Mircea Cărtărescu. Scrivere sotto il segno di Urmuz, tradurre Urmuz, parodiare Urmuz ha significato storicamente realizzare un vero e proprio atto politico e poetico contro il dilagare del pensiero totalitario e liberticida.

Il piacere di leggere Urmuz

ROTIROTI, Giovanni Raimondo
2010

Abstract

Il libro analizza, con l'aiuto della psicanalisi, i fantasmi letterari delle "Pagine Bizzarre". Le Pagine Bizzarre di Urmuz (1883-1923) - autore «dadaista ancor prima di Dada», che per primo ha messo in scena in Romania l’«assurdo» e la «tragedia del linguaggio» attraverso l’invenzione di una lingua molto singolare che sintomaticamente crea illusioni ed enigmi, equivoci e ambiguità semantiche, che rendono difficile il compito dell’interpretazione e della traduzione e l’inquadramento della sua opera in una tipologia ben definita di generi letterari - hanno esercitato una notevole influenza, per molti versi paradossale, su intere generazioni di scrittori che vanno dal padre del Dadaismo, Tristan Tzara, alle avanguardie e al surrealismo romeni, da Eugène Ionesco a Paul Celan e Gherasim Luca, da Nichita Stănescu a Marin Mincu, fino ai poeti postmoderni e testualisti come Mircea Cărtărescu. Scrivere sotto il segno di Urmuz, tradurre Urmuz, parodiare Urmuz ha significato storicamente realizzare un vero e proprio atto politico e poetico contro il dilagare del pensiero totalitario e liberticida.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Il piacere di leggere Urmuz.rtf1.pdf

accesso aperto

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: PUBBLICO - Pubblico senza Copyright
Dimensione 6.88 MB
Formato Adobe PDF
6.88 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11574/40046
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact