Le parole-oggetto e il «sogno di non-separazione» nei testi di Toti Scialoja