Ombre e abissi interiori: modernità tassiana