La tesi di questo saggio è che, a partire almeno dalla metà del XIX secolo, una particolare struttura ideologica, che appare appropriato definire “liberal-marxista”, si è consolidata quale geocultura del sistema-mondo moderno. Centralità dell’incessante accumulazione di capitale e delle forze produttive, primato dello spirito acquisitivo e possessivo, difesa delle “libertà”, variamente definite sulla base di un crescente numero di “diritti”, furono coniugati ai valori di solidarietà sociale, trovando costante espressione in quella parte del modo di rappresentazione che, a partire dall’Europa prima e dagli Stati Uniti poi, si delinea sempre più consapevolmente come “scienza sociale”, e condizionando così le immagini del mondo da essa prodotte.

Il mondo dei liberal-marxisti

DI MEGLIO, Mauro
2005

Abstract

La tesi di questo saggio è che, a partire almeno dalla metà del XIX secolo, una particolare struttura ideologica, che appare appropriato definire “liberal-marxista”, si è consolidata quale geocultura del sistema-mondo moderno. Centralità dell’incessante accumulazione di capitale e delle forze produttive, primato dello spirito acquisitivo e possessivo, difesa delle “libertà”, variamente definite sulla base di un crescente numero di “diritti”, furono coniugati ai valori di solidarietà sociale, trovando costante espressione in quella parte del modo di rappresentazione che, a partire dall’Europa prima e dagli Stati Uniti poi, si delinea sempre più consapevolmente come “scienza sociale”, e condizionando così le immagini del mondo da essa prodotte.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Di Meglio 2005 Il 'mondo' dei liberal-marxisti.pdf

non disponibili

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 2.73 MB
Formato Adobe PDF
2.73 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11574/40263
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact