Nel 1935 la preparazione e l'inizio dell'impresa etiopica collocavano il tema del colonialismo italiano al centro di un'intensa campagna di mobilitazione culturale condotta dal regime, e la risposta degli intellettuali, almeno all'apparenza fu di entusiastica adesione. Nel campo della letteratura si mobilitò una schiera assai varia di autori che comprendeva tanto personaggi della statura di D'Annunzio e Marinetti quanto figure minori, significative più per la tenace volontà di contribuire all'azione di propaganda ufficiale che per l'effettivo valore dei risultati raggiunti. Il compito evidente era la messa a punto e la diffusione, nelle dimensioni proprie della letteratura, di un'ideologia e di un immaginario coloniale adeguati alle esigenze della nuova impresa. E in proposito era disponibile un consolidato repertorio di argomenti, temi e figure adatti a esaltare il colonialismo italiano e a sottolinearne la specificità rispetto ad altre forme di conquista operate in terra d'Africa dalle potenze occidentali. Tre autori, in particolare, avevano contribuito all'elaborazione di una visione "italiana" della conquista coloniale. Innanzi tutto Oriani, e poi D'Annunzio e Marinetti. Tutti e tre, nel 1935, apparivano ormai debitamente inseriti nel Pantheon culturale del regime.

La guerra d'Etiopia e il letterato. Il disagio della scrittura

TOMASELLO, Giovanna
2008

Abstract

Nel 1935 la preparazione e l'inizio dell'impresa etiopica collocavano il tema del colonialismo italiano al centro di un'intensa campagna di mobilitazione culturale condotta dal regime, e la risposta degli intellettuali, almeno all'apparenza fu di entusiastica adesione. Nel campo della letteratura si mobilitò una schiera assai varia di autori che comprendeva tanto personaggi della statura di D'Annunzio e Marinetti quanto figure minori, significative più per la tenace volontà di contribuire all'azione di propaganda ufficiale che per l'effettivo valore dei risultati raggiunti. Il compito evidente era la messa a punto e la diffusione, nelle dimensioni proprie della letteratura, di un'ideologia e di un immaginario coloniale adeguati alle esigenze della nuova impresa. E in proposito era disponibile un consolidato repertorio di argomenti, temi e figure adatti a esaltare il colonialismo italiano e a sottolinearne la specificità rispetto ad altre forme di conquista operate in terra d'Africa dalle potenze occidentali. Tre autori, in particolare, avevano contribuito all'elaborazione di una visione "italiana" della conquista coloniale. Innanzi tutto Oriani, e poi D'Annunzio e Marinetti. Tutti e tre, nel 1935, apparivano ormai debitamente inseriti nel Pantheon culturale del regime.
9788815124760
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
La guerra d'Etiopia e il letterato.pdf

non disponibili

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 2.97 MB
Formato Adobe PDF
2.97 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11574/40269
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact