Il postcoloniale, il fantasma di Shakespeare e l'etica della lettura