Tra Medioevo e Rinascimento: il De mirabilibus mundi