L’estetica come resistenza: la scelta narrativa di Adania Shibli