Recensione al libro di Norman Manea, Al di là della montagna, (tradotto e curato da Marco Cugno, il Saggiatore, Milano 2012), il cui sottotitolo recita: Paul Celan e Benjamin Fondane, dialoghi postumi. il testo mette in evidenza i luoghi principali del volume di Manea e in particolare l’incontro dei due poeti ebrei nati in Romania nello stesso mese, accomunati dalla medesima condizione dell’esilio e dallo stesso destino nel fuoco e nelle acque della catastrofe.

«Al di là della montagna»: Norman Manea e il dialogo immaginario tra Celan e Fondane

CARANNANTE, IRMA MARIA GRAZIA
2012

Abstract

Recensione al libro di Norman Manea, Al di là della montagna, (tradotto e curato da Marco Cugno, il Saggiatore, Milano 2012), il cui sottotitolo recita: Paul Celan e Benjamin Fondane, dialoghi postumi. il testo mette in evidenza i luoghi principali del volume di Manea e in particolare l’incontro dei due poeti ebrei nati in Romania nello stesso mese, accomunati dalla medesima condizione dell’esilio e dallo stesso destino nel fuoco e nelle acque della catastrofe.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Recensione Manea.pdf

accesso aperto

Descrizione: Recensione
Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: PUBBLICO - Pubblico con Copyright
Dimensione 479.4 kB
Formato Adobe PDF
479.4 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11574/161827
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact