Dai canali alle ferrovie: metafore cangianti della Tōkyō moderna